Master e corsi

  • Il 30-06-2019
    Luogo: Mercato del Pesce - via Molo Dalmazia, 51 - Marina di Ravenna
    dalle 16:00:00 alle 18:00:00

    L’idea è di stimolare nei bambini una consapevolezza del pesce che mangiano, partendo da quello che hanno sotto gli occhi: i pesci dell’Adriatico.

    La Festa della Cozza di Marina di Ravenna oltre a valorizzare il prodotto, il territorio, la ristorazione e il turismo rappresenta anche un momento didattico per i bambini.

    Ma la sardina che faccia ha? E uno sgombro come è fatto? Perché si dice “Hai preso una canocchia”?...

    Attraverso i racconti e l’esperienza di un pescatore si conosceranno i nomi e quindi si capirà che il pesce non può arrivare sulle nostre tavole in aereo percorrendo tanti chilometri. E’ salute per noi e per il mare, mangiare sardine, sgombri, canocchie e cozze...

    I bambini visiteranno l’antica sala delle aste del vecchio mercato del pesce che ospita il centro Cestha con le tartarughe salvate al largo di Marina. Il centro operativo è una sorta di Officina del Mare ed è sotto la guida della Fondazione Cetacea. Al momento ospita tre esemplari di Caretta caretta, la tartaruga del mare inserita nel progetto TartaLife, condotto in collaborazione con i pescatori e promosso nelle 15 regioni italiane che si affacciano sul mare. Il centro Cestha ha visto anche la presenza di un esemplare di squalo spinarolo, salvato dai pescatori del motopeschereccio Nemo di Marina di Ravenna, e rilasciato con una targhetta identificativa che ne tutelerà la sua esistenza.

    Questa visita permetterà poi di raccontare cosa sta succedendo nel mare…più plastica che pesci.

    Si stima infatti che nel 2050 saremo in un vero e proprio mare di plastica: attualmente negli oceani finiscono 8 milioni di tonnellate di plastica all’anno, pari a un camion al minuto e  tra 15 anni questa quantità raddoppierà.

    Secondo i calcoli tra 40 anni nei mari ci sarà  (in peso) più plastica che pesci.

    C’è di più; per quella data il 20% dell’intera produzione mondiale di petrolio servirà per produrre plastica.

    I rischi per l’ecosistema mondiale (e per l’uomo) sono enormi. Basti pensare ai minuscoli pezzi ingeriti dagli animali marini, in grado di danneggiare il loro sistema endocrino e immunitario con ovvie ripercussioni sulla catena alimentare. Tanto che gli scienziati hanno creato  un neologismo per descrivere il fenomeno: plastisfera. Uno strato di minuscoli frammenti di plastica che ricopre il mare e ne altera l’ecosistema. In verità si è scoperto che ricopre anche i sassi, ed è perfino nei rilievi che gli scienziati effettuano sulle grandi catene montuose del mondo.

    Una storia per bambini, Lo sciopero dei pesci, edizioni Il pozzo di Giacobbe, offrirà spunti di buone pratiche da mettere in atto ogni giorno per ridurre l’uso della plastica in modo da preservare la bellezza del mare e la salute di tutti coloro che amano passarci ore divertenti.

    Prenotazione via email a slowfoodbassaromagna@gmail.com

    Dettaglio
  • Il 01-07-2019
    Luogo: Sala Everardo Pezzi - Villanova di Bagnacavallo
    dalle 21:00:00 alle 23:00:00

    Continuiamo il nostro percorso "IL MARE: BENE COMUNE" con una serata formativa gratuita in compagnia dei Ricercatori dell’Università di Bologna.

    Un incontro per parlare del mare e delle sue risorse, di come l’uomo le utilizza. Cosa vuol dire 'sostenibilità' e cosa ognuno di noi può fare per contribuire allo sfruttamento conservativo di prodotti che ci danno piacere a tavola, ma anche quando ci affacciamo al mare come bagnanti, turisti, naviganti. Quanto conosciamo dei processi che ci portano il pesce in tavola, del percorso cha va dal plancton al tonno. L’acquacoltura è un’alternativa alla pesca, non ha impatti sull’ambiente? Quello che noi mandiamo al mare resta nel mare o ci torna in tavola? Quando, come con quali percorsi?
    Come per tutte le attività dell'uomo conoscere è il primo passo verso un utilizzo consapevole delle risorse che il pianeta ci mette a disposizione, per sviluppare uno spirito critico come consumatori e guidarci verso delle scelte responsabili.

    Saranno presenti le associazioni Verde Blu e Sea Shepherd che si presenteranno e racconteranno le loro attività perché in Slow Food crediamo che, ora più che mai, “fare rete” è necessario e vantaggioso per tutti.

    Vi aspettiamo numerosi!

    Lunedì 1 Luglio
    ore 21:00 Sala Everardo Pezzi
    via della Chiesa, 17 – Villanova di Bagnacavallo

    La sala sarà aperta dalle 20,30 ed i volontari della Condotta saranno a disposizione per informazioni sull'Associazione e sugli eventi
    La serata formativa è GRATUITA previa prenotazione
    La prenotazione è limitata a 30 partecipanti e va effettuata ENTRO IL 28 GIUGNO
    Per prenotazioni: slowfoodbassaromagna@gmail.com

    Dettaglio
  • Il 12-07-2019
    Luogo: Ecomuseo delle Erbe Palustri - Villanova di Bagnacavallo
    dalle 18:30:00 alle 20:00:00

    In occasione della Notte Verde la Fatina della condotta territoriale di Slow Food farà conoscere ai vostri bambini e ragazzi le magiche proprietà della frutta, invitandoli ad un laboratorio tutto da scoprire ed assaggiare. Profumo, colore e sapore saranno le parole d'ordine per divertirsi.

    Aspettiamo grandi e piccoli a partire dalle 18:30 presso l'Ecomuseo delle Erbe Palustri a Villanova di Bagnacavallo.

    Prenotazioni entro il 9 luglio tel. 0545 47122 o erbepalustri@comune.bagnacavallo.ra.it

    Dettaglio

Clicca qui per leggere la nostra informativa privacy

Informativa Privacy   |   Cookie Policy   |   Web design: Excogita