Alla scoperta del Vulture

Alla scoperta del Vulture
Dal 18-09-2019 al 22-09-2019
Luogo: Basilicata
Informazioni:
A grande richiesta proponiamo un appuntamento autunnale con una gita di cinque giorni nel mese di settembre 
Questa volta andremo alla scoperta di un territorio poco conosciuto, la zona del Vulture, situata nel  nord della Basilicata ai confini della Puglia e della Campania e dominata dal profilo del massiccio del Monte Vulture (1326 m). Questo territorio conserva un importante patrimonio ambientale per la presenza di boschi, sorgenti ed acque minerali, torrenti e aree da pascolo.
La natura lavica del suolo e del sottosuolo, oltre a renderlo particolarmente fertile, permette anche la coltivazione della vite e dell'olivo. Il vino DOC per eccellenza della zona è l'Aglianico del Vulture, che in questo territorio acquisisce una corposità e delle caratteristiche organolettiche tutte particolari, distinte dagli altri tipi di Aglianico. 
Noi andremo a conoscere una realtà enologica molto interessante e innovativa che è rappresentata da 
“Generazione Vulture”: si tratta di un gruppo di otto giovani produttori amici, accomunati dall’amore per la propria terra e per il proprio lavoro. Raccontare l’Aglianico del Vulture fuori dai confini regionali in modo non tradizionale, ma dinamico e vulcanico è il loro obiettivo, abbandonando un tipo di comunicazione ormai datata, oltre che a stimolare e rispondere alle esigenze dell’incoming nel loro territorio. 
Inoltre, nel Vulture ci sono varie cittadine, come Melfi e Venosa, che conservano un patrimonio artistico importante, come testimonianza di un passato ricco di storia, a seguito delle varie dominazioni, dall’Impero Romano, al regno Normanno e Svevo (Federico II aveva stabilito qui la sua residenza estiva) e sino all’epoca dell’Unità d’Italia, con un ruolo importante nel brigantaggio, solo per citare qualche riferimento.
Oltre alle visite delle otto cantine che costituiscono il gruppo Generazione Vulture ed alcuni altri produttori della zona (formaggi, miele ed olio), ogni giorno andremo anche alla scoperta di questo territorio con delle visite guidate nei luoghi di maggiore interesse.
 
Qui di seguito, vi inviamo un programma di massima, perché abbiate il tempo di organizzare i vostri impegni. Alcune visite sono ancora in corso di definizione ed anche gli orari dei vari spostamenti giornalieri potranno subire qualche modifica. I ristoranti si sono riservati di predisporre un menù appositamente studiato per il gruppo in base alla stagionalità. Appena possibile vi faremo pervenire tutti i dettagli. 

Le prenotazioni verranno accettate in ordine cronologico con invio di mail a slowfoodbassaromagna@gmail.com
Le prenotazioni si riterranno confermate solo ad avvenuto versamento di un acconto di euro 200,00 a persona tramite bonifico a favore di:
Slow Food Godo Bassa Romagna - Banca Popolare dell’Emilia Romagna – sede di Ravenna
IBAN: IT18E0538713120000000158767 - causale: Vulture 2019
Il termine delle iscrizioni è fissato al raggiungimento del numero massimo di 32 partecipanti e, comunque, entro e non oltre il 10 luglio 2019.


Clicca qui per maggiori informazioni

Per informazioni: slowfoodbassaromagna@gmail.com

Clicca qui per leggere la nostra informativa privacy

Informativa Privacy   |   Cookie Policy   |   Web design: Excogita